BLOG SPOSAFONINO

Casi risolti dalla Wedding Planner

villa-matrimonio-wedding planner

Ben ritrovati, care lettrici e lettori, oggi parleremo di un argomento interessante: casi particolari risolti dalla Wedding Planner col suo immancabile “savoir faire”. Comincio col raccontarvi di un matrimonio bellissimo di qualche anno fa, italo-russo. Premetto che ho una discreta conoscenza delle lingue straniere; me la cavo bene in inglese, francese e tedesco. Il russo purtroppo no! Ma vi posso assicurare che ho cominciato a studiarlo ed è una lingua molto bella.

La sposa, una dolcissima ragazza russa, mi aveva assicurato che i suoi ospiti parlavano inglese. Ma, al loro arrivo nel luogo del ricevimento, una villa antica e da noi allestita in tema molto romantico, mi rendo conto che nessuno parla inglese, a parte la sorella della sposa. Sapete cosa vi dico? E’ stato molto divertente, abbiamo parlato a gesti e a mezze parole. Mi sono resa conto quanto valga la comunicazione non verbale. L’unico piccolo problema è stato spiegare al padre e allo zio della sposa che a cena non avrebbero trovato la wodka….ahimè, ma solo vino. (Non eravamo stati avvisati che avrebbero voluto pasteggiare a wodka!). Così ho incaricato un ragazzo del catering di andare al supermercato più vicino e di prendere un buon numero di bottiglie. Il padre della sposa si è personalmente complimentato con me con un “spassiba” (grazie), Rossana!

Il secondo matrimonio di cui vi vorrei parlare ci ha visto impegnati nell’allestimento di una location molto rustica e panoramica sul lago, ma con una padrona di casa veramente poco disponibile. Io credo che fosse allergica alle wedding planner! Questa location non è una di quelle con cui lavoriamo solitamente; era stata scelta dai ragazzi e dalla prima volta che ci siamo viste lei ed io, è stato subito chiaro che ci avrebbe in tutti i modi fatto penare….e così è stato. Anche il giorno del matrimonio ha discusso con noi per gli allestimenti, senza alcun motivo. Ma mai perdersi d’animo, bisogna essere sempre sorridenti e pensare che lo scopo del nostro lavoro è la soddisfazione dei nostri sposi, sapere rendere indimenticabile il giorno del loro matrimonio.

Con una certa probabilità non proporremo mai quel ristorante ad altri sposi….

Drop a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti